Search for content, post, videos

Shinichi Maruyama – Art & Photography

Wabi – Sabi. Ovvero la bellezza delle cose incomplete, imperfette e in divenire. Questo concetto è alla base degli ultimi lavori di Shinichi Maruyama, artista giapponese trapiantato a New York, che fa della fotografia una forma espressiva quasi pittorica. Per capire di cosa si tratta basta dare uno sguardo a Kusho, una collezione di 23 scatti in cui l’artista immortala l’interazione tra getti d’acqua e inchiostro nero che si fondono in eleganti coreografie sospese a mezz’aria. Maruyama cattura l’istante esatto in cui i due liquidi si incontrano prima di mischiarsi tra loro, una frazione di secondo impossibile da cogliere ad occhio nudo che viene invece congelata per sempre regalandoci uno spettacolo davvero inusuale.
Lo scopo è quello di offrirci l’esperienza di un processo chimico e fisico di straordinaria suggestione, ma anche di rivelarci la meraviglia della casualità e dell’imperfezione. Nessuno, tanto meno l’artista stesso, può sapere esattamente in che modo i due liquidi si scontreranno e quali giochi di forme e colori assumeranno. Tutto è lasciato al caso e il caso, impossibile negarlo, si rivela un eccellente coreografo.

Wabi – Sabi. That is the beauty of things incomplete, imperfect and evolving. This concept is the basis of the latest works of Shinichi Maruyama, a Japanese artist living in New York, that makes photography a form of expression almost painterly. To understand what it is just look at Kush, a collection of 23 shots in which the artist captures the interaction between jets and black ink that are melted into elegant choreography suspended in midair. Maruyama capture the exact moment when the two liquids meet before mingling with each other, a fraction of a second can not be grasped by the naked eye that is forever frozen instead giving us a truly unusual.
The aim is to offer the experience of a chemical and physical processes of extraordinary beauty, but also to reveal the wonder of randomness and imperfection. None the less the artist himself, can know exactly how the two substances collide, and what will become of shapes and colors. Everything is left to chance and chance can not deny it, it proves an excellent choreographer.